Quali caratteristiche deve avere un decespugliatore professionale

Se si deve tenere in ordine il verde di un’area ampia o si deve lavorare per lungo tempo tagliando erba resistente e varie tipologie di arbusti, ma anche se semplicemente si vogliono avere elevate prestazioni, allora il decespugliatore professionale è l’attrezzo giusto.

decespugliatore professionale
Immagine di proprietà di https://www.oleomac.it/

Tuttavia, scegliere il modello migliore e quello più indicato per le proprie esigenze non è semplice, sia perché sul mercato sono presenti tante tipologie, sia perché bisogna valutare con attenzione le caratteristiche dei decespugliatori professionali.  Ecco qualche suggerimento per fare la scelta giusta e per gestire al meglio la propria area verde.

Decespugliatori professionali, quali caratteristiche devono avere

Scegliere dei decespugliatori professionali può essere complesso perché questi attrezzi, anche se simili tra loro, si distinguono per potenza, funzionalità, sistema di lavoro e anche per la possibilità di utilizzare diversi optional che ne aumentano la versatilità d’uso. In questo caso, i decespugliatori diventano degli strumenti multifunzione perfetti per il taglio della siepe, per la potatura e per la pulizia del giardino e dei viali.

La prima cosa da fare quando si vuole acquistare questo attrezzo che è indispensabile per la cura del verde, dal taglio del prato a quello dei bordi e delle siepi, è valutare le caratteristiche dei decespugliatori professionali.

I decespugliatori professionali si dividono in due categorie. I modelli più semplici sono quelli elettrici, che hanno una potenza media che varia dai 600 ai 1000W, sono molto maneggevoli, non richiedono tanta manutenzione e possono essere adatti per gestire il verde su superfici pianeggianti di medie dimensioni. Tuttavia, quando si deve tagliare il verde in aree estese, con un terreno irregolare o in presenza di erba alta e piante molto resistenti è meglio scegliere i modelli a scoppio che sono un’altra tipologia di decespugliatori professionali. Questi modelli hanno quasi sempre una cilindrata superiore ai 35 cm³ che li rende davvero performanti anche in ambienti difficili da gestire.

Decespugliatori professionali a scoppio: cosa valutare

Tra le caratteristiche dei decespugliatori professionali a scoppio va valutata la tipologia del motore, che può essere a 2 o 4 tempi: i primi sono più leggeri e impiegano una miscela di olio e benzina, mentre i secondi sono decisamente più pratici e performanti, ma hanno un peso maggiore.

Il sistema di avviamento del motore a scoppio deve essere semplice e immediato, in modo da poter essere utilizzato senza problemi, mentre bisogna anche valutare la rumorosità di questi modelli che viene espressa dal valore dei dB, solitamente indicato nella scheda tecnica. Da tener presente, poi, nella scelta del decespugliatore c’è anche il suo impatto ambientale dato che i modelli con motore a scoppio emettono particelle inquinante: tuttavia, i decespugliatori professionali delle migliori marche integrano alcuni sistemi per essere eco-friendly.

I decespugliatori professionali a scoppio sono sicuramente gli attrezzi adatti per gestire il verde senza problemi, anche in terreni e ambienti complessi e poco accessibili, ma è necessario anche considerare che hanno un peso notevole e, in alcuni casi, arrivano fino a 12 kg circa. La soluzione migliore è orientarsi verso un modello di decespugliatore a zainetto che consente di scaricare il peso sulla schiena.

La possibilità di regolare l’asta e quindi l’altezza del decespugliatore sono altri fattori da considerare perché consentono di avere maggior comfort di utilizzo, soprattutto se si è molto alti. La presenza di un albero curvo, invece, aiuta a raggiungere anche il sottobosco o quelle parti di verde meno visibili, regalando un tocco di maneggevolezza in più che fa sempre comodo.

Tra le caratteristiche dei decespugliatori professionali c’è la possibilità di montare diversi accessori e di avere la scelta tra il funzionamento con la testina con il filo o con una lama.