• Home »
  • News »
  • Il raffreddore: i migliori rimedi naturali per l’autunno

Il raffreddore: i migliori rimedi naturali per l’autunno

Il raffreddore è una patologia solitamente poco grave, che ha però il difetto di manifestarsi con grande frequenza, soprattutto in alcuni soggetti. Si tratta di una malattia causata da vari virus, che sono diffusi in tutto il mondo. In alcuni periodi la diffusione dei virus del raffreddore è meno evidente, visto che arieggiare le stanze e vivere all’aria aperta difficilmente permette di contrarli; quando il clima è freddo invece si tende a vivere più tempo in locali chiusi e con aria molto asciutta: in queste situazioni i virus che provocano il raffreddore si sviluppano al meglio, trasferendosi da persona a persona.

raffreddore

Come molti ben sanno, non serve assumere farmaci particolari per curarsi dal raffreddore; è però possibile utilizzare alcuni rimedi naturali, che consentono di diminuirne i sintomi.

I sintomi del raffreddore

I sintomi del raffreddore sono vari ma ben noti e conosciuti. Solitamente la congestione nasale è il primo e principale sintomo del raffreddore, cui si associa spesso mal di testa, sensazione di intorpidimento, difficoltà a respirare con il naso e ad avvertire gli odori. L’aumento delle secrezioni di muco è poi evidente e notevole; il muco è solitamente chiaro e molto fluido, ma vi sono casi in cui il colore può variare fino al giallo o al verde e il muco può diventare appiccicoso o a grumi. Spesso sopraggiunge anche la febbre, insieme con il mal di testa, il mal di gola e la tosse; i dolori muscolari in tutto il corpo sono classici sintomi del raffreddore.

L’attacco del virus al corpo ha una durata media di circa 3-5 giorni; in alcuni soggetti particolarmente debilitati un raffreddore può durare in forma severa anche per più di 7-10 giorni. Nei soggetti sani invece è improbabile che si sviluppino patologie opportuniste. Solitamente è il fatto di dover respirare con la bocca che porta a soffrire anche di forme batteriche: i batteri entrano con il respiro, non essendo filtrati efficacemente dal naso, come invece avviene quando si respira correttamente.

Curare il raffreddore

Come abbiamo detto, solitamente non si cura un raffreddore, visto che l’organismo riesce a debellare autonomamente il virus. Ciò di cui ci si può prendere cura sono i sintomi, ad esempio utilizzando un decongestionante nasale o esponendosi a sostanze balsamiche, attraverso un aerosol o anche utilizzando sciroppi e caramelle. Questo consente solitamente di respirare meglio, cosa che porta a un riposo migliore e a limitare i possibili attacchi da parte dei batteri opportunisti.

I lavaggi nasali portano spesso un sollievo dalla congestione nasale; se i sintomi risultano particolarmente severi, o si protraggono nel tempo, è però importante contattare il medico di famiglia, che saprà consigliare al meglio. I farmaci che si utilizzano quando si soffre di raffreddore sono solitamente antistaminici, antipiretici, antinfiammatori. Solitamente però si preferisce limitare l’uso di farmaci al minimo, andando invece a favorire il riposo e la corretta respirazione. Tisane calde, a base di erbe espettoranti, possono essere molto utili in caso di raffreddore.