Giocattoli: il 2019 sarà ancora l’anno delle LOL?

Come accade per la musica e il cinema, anche il mondo dei giocattoli ha ogni anno i suoi vincitori. E come succede anche negli altri ambiti, non sono necessariamente la qualità e l’originalità a determinare il prodotto che indosserà la cintura del campione, perché sono le mode, spesso imprevedibili, che finiscono per fare la differenza sul mercato.

Giocattoli

I vincitori degli ultimi anni

Nel 2017 è successo coi Fidget Spinner, una sorta di versione evoluta delle trottole che usavano i nostri nonni. Ci fu un’improvvisa infatuazione mondiale: di colpo tutti i bambini ne avevano (o ne volevano) una e persino molti adulti si erano lasciati conquistare da questo semplice, irresistibile e nuovo giocattolo. Peccato di nuovo non avesse praticamente nulla, perché era stato inventato dall’americana Catherine Hettinger nel lontano 1993, ossia ben 14 anni prima.

L’anno successivo, il 2018, è stato invece l’anno delle LOL Surprise, bamboline nascoste in sfere tutte da scartare e con tante piccole sorprese da scoprire, lanciate negli USA a fine 2017 dalla MGA Entertainment e approdate subito dopo in Europa, bissando in pochissimo tempo l’incredibile successo ottenuto oltreoceano. Anche nel nostro paese, queste mini bambole (distribuite da Giochi Preziosi) hanno conquistato in un lampo il cuore delle bambine e la vittoria assoluta sugli scaffali dei negozi di giocattoli.

Le prospettive per il 2019

E quest’anno? Il primo trimestre non ha rivelato alcuna sorpresa, anzi forse una sì.

LOL Surprise, da moda a grande classico

Contrariamente a quanto accade di solito ai “giochi dell’anno”, infatti, la moda delle LOL non sta affatto tramontando, anzi. Oggi, nelle prime posizioni delle classifiche dei giochi più venduti ci sono ancora e soprattutto loro.

I nuovi modelli che sono usciti, infatti, non hanno solo saputo mantenere alto l’interesse per queste piccole bambole, ma se possibile lo hanno addirittura rinforzato, trasformandole in giochi cult che si apprestano a diventare forse persino dei grandi classici. LOL Suprise Confetti Pop, Bling, Pets, Lil Sisters e chi ne ha più ne metta: esistono così tante versioni che c’è il serio rischio di fare confusione (qui trovate una guida alle diverse bambole LOL), al punto che qualche genitore si è pure ritrovato suo malgrado ad acquistare dei prodotti falsificati. Ciò nonostante, il successo delle LOL sembra ancora ben lontano dall’affievolirsi, e c’è la possibilità che invece di cedere il passo si riconfermino come i giochi più apprezzati (e desiderati) del 2019.

Giochi di carte

Al fianco delle bambole, non perdono posizioni i giochi di carte più amati dai bambini, tra i quali regna incontrastato Dobble, il gioco in cui vince chi per primo scopre l’unico simbolo in comune tra due carte, e Uno che segue un meccanismo simile ma offre un ritmo di gioco più tranquillo che è gradito anche ai grandi. I giochi di carte mantengono un certo successo perché offrono partite in compagnia e relativamente brevi, hanno un formato quasi tascabile e si rivelano quindi ottimi compagni di viaggio, di conseguenza trovano spesso un posto fisso tra i passatempo di ogni famiglia.

Monopoly Fortnite

Uscita ad ottobre dello scorso anno, questa versione del Monopoly ispirata al videogame di Fortnite ha avuto un successo strepitoso, forte ovviamente della vasta community di appassionati del videogioco, che a settembre 2018 contava 200 milioni di player, tra cui moltissimi bambini (inutile dire che da tempo i videogames fanno storia a sé).

Gli intramontabili

Al fianco delle sorprese, che finora non ci sono state e potrebbero persino non esserci, sopravvivono i grandi classici, che non tramontano mai. Tra le preferenze dei più piccoli, anche nel 2019 troviamo infatti giochi come le bambole Barbie e i bambolotti da accudire (Cicciobello su tutti), che naturalmente sono amati dalle femminucce, mentre per quanto riguarda i maschietti troviamo i giochi di costruzioni (Lego in cima alla lista) e le armi giocattolo con proiettili di gommapiuma (ad esempio i prodotti della serie Nerf Elite). Infine, non finiscono nel dimenticatoio neppure i peluches, soprattutto gli orsacchiotti. Segno che le mode passano, ma certi amori non finiscono mai.