» » » » » » » » » » Terremoto in Calabria, la cronaca in Real-Time

BOSCHI, ZONA POLLINO AD ALTO RISCHIO SISMICO GEOFISICO, VERIFICARE QUALITA' DEGLI EDIFICI - ''La zona del Pollino e' ad alta pericolosita' sismica''. Lo dice all'Adnkronos il geofisico Enzo Boschi, che spiega: ''Da sempre l'unica soluzione per la sicurezza dei cittadini, in quest'area come nel resto del Paese, e' verificare la qualita' degli edifici: se sono mal costruiti, possono provocare disastri e vittime''. ''Viste le capacita' del capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, sono sicuro che la verifica sugli edifici sara' fatta subito'', conclude Boschi.

Terremoti/Clini:Comunità scientifica deve sentire fiducia governo Dopo sentenze condanna del tribunale de l'Aquila  - "Credo che la comunità scientifica debba sentire la solidarietà ma soprattutto la fiducia del governo". Così il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, a radio Anch'io (Radio1Rai) ha risposto a una domanda se nel consiglio dei ministri in programma stamattina sarà in qualche modo affrontato anche il tema delle dimissione dei componenti della Commissione Grandi rischi, dopo la sentenza del Tribunale de l'Aquila. Sulla attività sismica in corso nel Pollino, dove si è registrata la scorsa notte una forte scossa, il ministro ha detto che "la prevenzione conta". "In un una situazione di incertezza su sulle previsioni - ha aggiunto - è importante avere, da un lato, la sicurezza degli edifici e delle infrastrutture e, dall'altro, le informazioni aggiornate alla popolazione circa le iniziative che deve prendere e i comportamenti da adottare".

POLLINO; GABRIELLI, IL SISTEMA HA FUNZIONATO BENE  - ''Il primo cittadino di Mormanno, Guglielmo Armentano, e tutti gli altri dei centri interessati dal sisma - ha detto Franco Gabrielli poco fa a Mormanno - si sono attivati con puntualita' predisponendo tutte le misure necessarie per fronteggiare l'emergenza. Il sistema ha funzionato bene ed i cittadini, che hanno contribuito anche loro a dare una risposta positiva, non sono stati lasciati soli. E' cosi' che bisogna fare quando accadono fatti del genere. Adesso faremo il punto della situazione per stabilire l'ulteriore da farsi''.

SINDACO DI MORMANNO, SITUAZIONE CRITICA E ANCORA TANTA PAURA  - A Mormanno c'e' ancora tanta paura, ora si sta cercando di avviare le attivita' necessarie a eseguire le verifiche strutturali sugli edifici e a riprendersi dal forte spavento della notte dopo la scossa di magnitudo 5. ''L'ospedale - riferisce il sindaco Guglielmo Armentano - e' stato fatto evacuare da medico di turno perche' non riusciva a gestire pazienti nel panico. Da un primo sommario sopralluogo fatto dai tecnici sembra non ci siano situazioni di criticita' tali da non consentire la riapertura della struttura''. Al capo della Protezione civile Franco Gabrielli, atteso questa mattina tra la popolazione del Pollino, Armentano rivolge l'invito a ''starci vicino perche' ne abbiamo bisogno. La situazione e' critica''. I cittadini hanno trascorso la notte fuori, dormendo nelle auto. ''Questa mattina la gente e' rientrata per darsi una sistemata perche' e' uscita come si trovava, la notte e' stata anche fredda oltretutto'', spiega infine Armentano.

ENAC, NESSUNA VARIAZIONE TRAFFICO AEREO  - L'operatività dei voli nelle aree della Calabria e Basilicata colpite dal terremoto, al momento, Š regolare. Lo comunica l'Enac alla luce di una prima ricognizione effettuata dall'Ente presso le direzioni territoriali coinvolte, non si registrano attualmente ritardi o variazioni alla programmazione del traffico aereo. L'Enac continuera' a monitorare la situazione nelle aree interessate.

POLLINO; GABRIELLI, A MORMANNO OTTIMA RISPOSTA - ''A Mormanno la risposta all'emergenza terremoto e' stata ottima''. Lo ha detto il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, appena giunto a Mormanno per presiedere una riunione tecnica convocata per fare il punto della situazione dopo il terremoto della scorsa notte. ''Quando accadono fatti come questi - ha aggiunto Gabrielli - la gente da' addosso ai sindaci. Qui, invece, la loro reazione e' stata estremamente efficiente''.

NEL POTENTINO SCUOLE CHIUSE, VERIFICHE SU EDIFICI  - L'ufficio stampa della giunta regionale lucana ha reso noto che le scuole resteranno oggi chiuse a Viggianello, Rotonda, Trecchina, Episcopia, Latronico, Castelluccio Superiore, Castelluccio Inferiore e Lauria (Potenza).

 TERREMOTO: ZAMBERLETTI, SU DIMISSIONI COMMISSIONE GRANDI RISCHI DECIDE GOVERNO COMUNITA' SCIENTIFICA LAVORA PER LO STATO MA CHIEDE TUTELE - ''Noi abbiamo consegnato le dimissioni al governo, sara' l'esecutivo a decidere....''. Lo dice all'Adnkronos Giuseppe Zamberletti, 'padre' della Protezione civile italiana, in merito alle dimissioni rassegnate martedi' scorso dall'ufficio di presidenza della Commissione Grandi Rischi. ''La comunita' scientifica chiede garanzie -ribadisce il presidente emerito della commissione Grandi Rischi- questi esperti lavorano per lo Stato e non hanno alcuna tutela''.

TERREMOTO: SCOSSA POLLINO, AL VIA CENSIMENTO BENI CULTURALI DANNEGGIATI ASSESSORE REGIONALE CALIGIURI AVVIA CONTATTI PER VALUTAZIONE CONSEGUENZE A PATRIMONIO ARTISTICO  - Dopo la forte scossa di terremoto che ha interessato l'area del Pollino, l'assessore alla Cultura della Regione Calabria, Mario Caligiuri, ha subito avviato una serie di contatti per fare una prima stima delle conseguenze al patrimonio artistico. A questo proposito, e' stato avviato un censimento dei beni di interesse culturale nell'area colpita per valutare l'entita' dei danni in seguito al sisma.

Ultimo aggiornamento ore 09,46 del 26 ottobre 2012. Continua ad aggiornare la pagina cliccando su F5 nella tua tastiera per leggere gli aggiornamenti.

POLLINO; A MORMANNO DECINE DI CASE LESIONATE - Sono decine le case che hanno subito lesioni a Mormanno a causa della scossa di terremoto della notte scorsa. In queste ore si stanno facendo i sopralluoghi per verificare i danni subiti dalle abitazioni ed individuare quelle in cui e' possibile far rientrare le famiglie che le occupavano e quelle invece da dichiarare inagibili a causa dei danni subiti. Testimone in prima persona del terremoto e' stato il presidente del Parco nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, che vive a Mormanno ed e' stato sindaco per molti anni del centro del Pollino. ''Abbiamo vissuto - racconta Pappaterra - momenti di estrema paura. Io stesso insieme alla mia famiglia ho dovuto abbandonare la mia casa e precipitarmi fuori a causa della violenza della scossa. Ma insieme alla mia ci sono tante altre case danneggiate, soprattutto nella parte piu' vecchia del paese. Eravamo preparati a quello che poteva accadere, ma devo dire che l'esperienza e' stata ugualmente molto traumatica''.

POLLINO; TUTTI IN STRADA A MORMANNO,LA PAURA NON PASSA - L'autostrada non ha subito danni per le scosse di terremoto sul Pollino, ma la strada interna che collega il paese di Mormanno alla A3 e' stata danneggiata: ci sono diverse crepe sull'asfalto e in alcuni punti sono caduti dei massi. La gente di Mormanno, che ormai soffre di una vera 'sindrome da terremoto' visto che le scosse si susseguono tutti i giorni da un paio d'anni, non ci sta a rientrare in casa. "Siamo sfiniti", dicono per strada, "ormai siamo condizionati da questa scosse continue. Ci dicono di stare tranquilli, ma come si puo' stare tranquilli se ti si muove la terra sotto i piedi tutti i giorni? E come vai a dormire tranquillo? E che diciamo ai nostri figli?", dice un cittadino di Mormanno. 

 
 TERREMOTI: POLLINO; INGV, SEQUENZA IN ATTO DA DUE ANNI  - Nella zona del Pollino, colpita alle 1,05 della notte da un terremoto di magnitudo 5 e' in atto da due anni una sequenza sismica nella quale periodi di attivita' frequente si alternano a periodi di relativa calma. In quest'area al confine tra la Calabria e la Basilicata si e' registrata recentemente una ripresa dell'attivita' sismica, tanto che solo nel periodo compreso fra il primo e il 4 ottobre, rende l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), sono stati registrati almeno 122 eventi, 105 dei quali di magnitudo minore di 2.0, 14 di magnitudo tra 2.0 e 3.0, 3 di magnitudo tra 3.0 e 4.0. L'Ingv, rileva lo stesso ente, ''sta seguendo l'evoluzione di questa sequenza dal suo inizio e ha avviato una serie di attivita' e di progetti per comprendere meglio quanto sta accadendo in quell'area e per contribuire alla diffusione delle informazioni e alla riduzione del rischio sismico''. Negli ultimi due anni, in collaborazione con il dipartimento di Fisica dell'universita' della Calabria, l'Ingv ha potenziato la rete sismica di monitoraggio nel Pollino per migliorare le localizzazioni anche dei piccoli terremoti ed ha installato una nuova stazione della rete sismica nazionale piu' tre stazioni temporanee collegate con la sala sismica.

POLLINO, CONTINUA SCIAME SISMICO; SCUOLE CHIUSE - Continua lo sciame sismico sul Pollino, con scosse d'intensita' minore rispetto a quelle avvertite nella notte. A Mormanno (Cosenza), dove l'ospedale e' stato completamente evacuato per sicurezza, si attende l'arrivo di una colonna mobile della protezione civile che dovrebbe portare delle tende per i pazienti. La struttura sembrerebbe pero' presentare solo qualche crepa in alcuni locali. Atteso sul luogo anche il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli. In paese le scuole resteranno chiuse oggi e domani, come in altri Comuni limitrofi e nei paesi del Potentino.

Terremoto: operativa sala Protezione civile Basilicata - Potenza, 26 ottobre 2012 - Immediatamente dopo l'evento sismico che ha interessato l'area del Pollino alle ore 1:05, in Basilicata si e' attivata h24 la Sala Operativa Regionale della Protezione Civile. Da una prima ricognizione effettuata presso i Comuni lucani dell'area interessata non risultano danni alle persone o danni evidenti alle cose. Sono state comunque attivate le strutture locali di volontariato della protezione civile mentre nelle prossime ore raggiungera' l'area personale dal dipartimento Regionale. La situazione continuera' ad essere comunque monitorata.

POLLINO; NESSUNA CONSEGUENZA SU RETE FERROVIARIA  - Il terremoto di magnitudo 5 che la scorsa notte ha colpito l'area del Pollino non ha determinato conseguenze alla circolazione dei treni sulle linee tirrenica e ionica delle Ferrovie dello Stato. Lo si apprende da Rete Ferroviaria Italiana. del gruppo FS, i cui tecnici hanno gia' compiuto ricognizioni e sopralluoghi lungo le linee. La circolazione dei treni e' regolare.

POLLINO; SCOSSE CONTINUE, PAURA NON PASSA - La paura non passa a Mormanno dove le scosse di terremoto, dopo quella di magnitudo 5 della scorsa notte, si susseguono a ritmo intenso e senza sosta. La gente continua a vivere nel terrore anche per la particolare sensibilita' che ha acquisito a causa dello sciame sismico che si registra da oltre due anni. Nel municipio gli impiegati stanno lavorando per predisporre tutti gli interventi necessari per fronteggiare i danni provocati dal terremoto. Si registrano, tra l'altro, numerose rotture della condotta idrica, con ripercussioni in diverse zone del paese. L'abitudine della gente alle scosse di terremoto non riduce la paura. Molta gente e' ancora per strada, a bordo delle proprie automobili ed esita a rientrare a casa a causa delle repliche al sisma piu' forte della scorsa notte. L'esposizione di Mormanno alle scosse sismiche e' provocato dal fatto che buona parte del centro abitato si trova su una faglia che determina una continua situazione di emergenza.

NEL POTENTINO SCUOLE CHIUSE, VERIFICHE SU EDIFICI CONTROLLI ANCHE SU VIABILITA' E TRATTO LUCANO SALERNO-REGGIO CALABRIA - A causa della scossa di terremoto di magnitudo 5 registrata la notte scorsa, in via precauzionale la maggior parte dei sindaci dei paesi del versante potentino del Pollino ha disposto la chiusura delle scuole: secondo quanto si e' appreso, finora in Basilicata non si registrano ne' danni seri ne' feriti. In tutti i Comuni dell'area del Pollino lucano sono comunque in corso verifiche sugli edifici, sulle reti elettriche ed idriche e sulla viabilita', in particolare sul tratto lucano, compreso tra gli svincoli di Lagonegro e Lauria (Potenza) dell'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria.


Il capo della protezione civile, Franco Gabrielli
IN MATTINATA GABRIELLI A MORMANNO - Il capo della protezione civile, Franco Gabrielli, arrivera' in mattinata a Mormanno per fare il punto della situazione dopo la scossa di terremoto di magnitudo 5 della scorsa notte. Gabrielli incontrera' l'unita' di crisi che e' stata costituita per seguire gli sviluppi della situazione e si rechera' nell'ospedale di Mormanno che e' stato evacuato per i danni subiti a causa del sisma.

SCIAME POLLINO, 22 LE SCOSSE NELLA NOTTE - Sono state 22 le scosse di terremoto che nella notte hanno fatto tremare la terra tra la Calabria e la Basilicata registrate dall'Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia (Ingv), ma il sisma si e' avvertito in tutto il sud Italia. La prima scossa e' stata la piu' forte, di magnitudo 5.0 all'1:05 e ha avuto epicentro nei comuni di Mormanno (Cs), Laino Catello (Cs), Laino Borgo (Cs) e Rotona (Pz). Le altre scosse sono state tutte meno violente: pochi minuti dopo la prima ce ne sono state due di magnitudo 2.7 e 3.3 e si sono susseguite per una media di cinque l'ora fino all'ultima, di magnitudo 2.2 alle 4:56 del mattino.

POLLINO; FINORA OLTRE 100 REPLICHE  – Sono state registrate finora oltre 100 repliche della scossa di terremoto che nella notte ha colpito l’area del Pollino. Lo rende noto il funzionario di sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Rita Di Giovambattista. Al momento, la replica piu’ forte, di magnitudo 3.3, Š avvenuta all' 1:16. Altre repliche rilevanti sono avvenute alle 4:25 e alle 4:40, entrambe di magnitudo 2.9.

TERREMOTO: POLLINO; ALTRE 6 REPLICHE IN RAPIDA SUCCESSIONE  - MORMANNO (COSENZA), 26 ottobre 2012 - Nell'ultima ora nell'area del Pollino si sono verificate altre sei scosse di terremoto in rapida successione, che si aggiungono alle altre 15 che hanno seguito il sisma di magnitudo 5 verificato all'1:05. E' quanto rilevato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). L'ultima scossa in ordine di tempo e' stata registrata alle 4:56, con magnitudo 2.2. Ci sono poi state altre scosse alle 4:25 (2.9), alle 4:14 (2.3), alle 4:01 (2) ed alle 3:50 (2). L'epicentro e' stato localizzato sempre tra i comuni cosentini di Mormanno, Laino Castello e Laino Borgo, e di quelli potentini di Castelluccio Inferiore, Rotonda e Viggianello.

VIOLENTA SCOSSA SUL POLLINO, DANNI E SFOLLATI - Tanta paura, case e un ospedale evacuato, ma nessuna vittima. E' questa la situazione che si registra sul Pollino, colpito la scorsa notte da una violenta scossa di terremoto di magnitudo 5. Il movimento tellurico e' stato registrato alle 1,05, con una profondita' di 6,3 chilometri. I comuni piu' vicini all'epicentro sono quelli di Mormanno, Laino Borgo e Laino Castello in provincia di Cosenza, e Rotonda in provincia di Potenza. La scossa e' stata avvertita, pero', in tutto il sud Italia.

Nessun danno e' stato segnalato al momento in Basilicata. In Calabria, invece, la situazione piu' critica e' quella di Mormanno (Cosenza), dove e' stato evacuato l'ospedale che, in quel momento, ospitava alcune decine di pazienti. Molte le case danneggiate da lesioni e crepe, mentre risulta inagibile la chiesa madre del paese. Non si segnalano morti o feriti gravi, ma la paura e' altissima e la gente ha trascorso la notte in strada. Nei centri piu' colpiti sono intervenuti forze dell'ordine, Protezione civile, vigili del fuoco e volontari. Per quanto riguarda i degenti che si trovavano nell'ospedale evacuato, i piu' gravi sono stati trasferiti nei nosocomi del comprensorio; pochi quelli dimessi, mentre la maggior parte ha trovato sistemazione nelle tende allestite dai soccorritori. Dopo il terremoto di magnitudo 5 sono state registrate una ventina di scosse di assestamento, la piu' forte di magnitudo 3.3.

RICHIAMATI IN SERVIZIO VIGILI FUOCO LIBERI  - Il Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Cosenza ha avviato le procedure per il richiamo in servizio del personale libero per raddoppiare il numero delle squadre di soccorso nella zona del Pollino. Le squadre dei Vigili del fuoco sono gi… presenti in forza nell'area interessata stanotte dal terremoto: sono in corso i sopralluoghi urgenti ed Š stato attivato il supporto alla popolazione.

DICHIARATA INAGIBILE CATTEDRALE MORMANNO  - In seguito al terremoto di magnitudo 5 registrata stanotte, la cattedrale di Mormanno e' stata dichiarata inagibile a causa di vaste lesioni nella volta. Lo ha riferito il comandante provinciale dei Carabinieri di Cosenza, colonnello Francesco Ferace, che si trova a Mormanno insieme al prefetto Raffaele Cannizzaro. Anche nella chiesa si e' verificata la caduta di calcinacci. La strada per Campotenese, inoltre, e' interrotta per il distacco di alcuni massi da un costone.

TRASFERIMENTO DEGENTI OSPEDALE MORMANNO - I degenti dell'ospedale di Mormanno sono in via di trasferimento in altri ospedali della zona. L'evacuazione dell'ospedale e' stata decisa in via precauzionale dopo la scossa di magnitudo 5 che ha colpito stanotte la zona del Pollino.

A MORMANNO, CHIUSE LE SCUOLEAlcuni crolli si sono verificati ad Altomonte, nel cosentino, a causa del sisma di magnitudo 5 registrato stanotte nell'area del Pollino. Il sindaco Gianpietro Coppola, ha disposto la chiusura delle scuole in attesa delle verifiche statiche sulle strutture. In particolare sono crollate due abitazioni gia' evacuate perche' danneggiate dal sisma del maggio scorso. Crollati anche cornicioni nel centro storico. Danneggiati il centro sanitario e il campanile della chiesa di Santa Maria della Consolazione.

Il comandante provinciale dei Carabinieri di Cosenza, colonnello Francesco Ferace, ha affermato che ''nel corso della riunione abbiamo fatto il punto della situazione e predisposto gli interventi piu' urgenti da attuare. Con la luce del giorno completeremo i controlli ed effettueremo tutti i sopralluoghi necessari per completare il quadro della situazione dei danni''. Il prefetto di Cosenza insieme ai vertici delle forze dell'ordine e delle associazioni di protezione civile si sono recati in ospedale, dopo che ne e' stata disposta l'evacuazione, per verificare la situazione. Altre riunioni sono in programma in mattinata.

Erano da poco trascorse le 1,05 di questa notte quando la terra ha tremato sul Pollino in maniera violenta. La scossa quinto grado della scala Richter ha provocato danni, crolli e tanta paura. Un ospedale, quello di Mormanno e' stato evacuato mentre sono tante le persone che hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari anche se in maniera lieve.

TERREMOTO: POLLINO; CROLLI AD ALTOMONTE, CHIUSE LE SCUOLE  - ALTOMONTE (COSENZA), 26 ottobre 2012 - Alcuni crolli si sono verificati ad Altomonte, nel cosentino, a causa del sisma di magnitudo 5 registrato stanotte nell'area del Pollino. Il sindaco Gianpietro Coppola, ha disposto la chiusura delle scuole in attesa delle verifiche statiche sulle strutture. In particolare sono crollate due abitazioni gia' evacuate perche' danneggiate dal sisma del maggio scorso. Crollati anche cornicioni nel centro storico. Danneggiati il centro sanitario e il campanile della chiesa di Santa Maria della Consolazione.

TERREMOTI: POLLINO; SGOMBERATA CASA RIPOSO A LAINO BORGO  - Una casa di riposo per anziani e' stata sgomberata a Laino Borgo (Cosenza) per disposizione del sindaco a causa delle lesioni provocate alla struttura dal forte terremoto che ha colpito nella notte il Pollino. Gli anziani vengono adesso trasferiti in altre strutture della zona.

TERREMOTI: POLLINO; DA MESI ABITANTI AREA DORMONO IN AUTO - - Da diversi mesi gli abitanti della zona del Pollino hanno deciso di dormire in auto o sistemazioni di fortuna, perche' impauriti dalle numerose scosse di terremoto che si verificano quotidianamente. Il massiccio del Pollino, al confine tra la Calabria e la Basilicata, e' interessato infatti, da circa due anni da uno sciame sismico che ha gia' fatto registrare oltre 2.200 scosse di terremoto. Nessuna, pero', fino ad oggi, era stata dell'intensita' di quella che ha colpito la zona compresa tra i comuni di Mormanno, Laino Borgo e Laino Castello all'1:05 con magnitudo 5. Gia' in altre occasioni, pero', le scosse sono state distintamente avvertite dalla popolazione ed il susseguirsi di terremoti ha creato un clima di ansia e di paura nelle popolazioni delle zone colpite. La situazione di disagio e' stata segnalata nelle settimane scorse dal sindaco di Mormanno, Guglielmo Armentano, che il 2 ottobre scorso, in una comunicazione inviata al Dipartimento nazionale della Protezione civile ed al presidente della Regione Calabria, ha parlato di ''un grave stato di disagio, accompagnato da panico e apprensione da parte dei cittadini e dalla modifica del loro stile di vita, tanto che in molti preferiscono trascorrere le notti in auto''. Lo stesso giorno il Dipartimento della Protezione civile aveva convocato la Commissione nazionale Grandi Rischi - settore Rischio sismico per analizzare lo sciame sismico del Pollino, ''come era gia' stato previsto di fare per affrontare il tema delle sequenze sismiche che periodicamente e ripetutamente interessano diverse aree del Paese''.

TERREMOTO: POLLINO; SQUADRE CROCE ROSSA AL LAVORO A MORMANNO  - Numerose squadre di volontari della Croce rossa italiana sono giunte nella zona di Mormanno, epicentro della scossa di terremoto di magnitudo 5 registrata stanotte. I volontari della Croce rossa stanno lavorando in collaborazione con la centrale operativa del Servizio di urgenza ed emergenza medica 118 di Cosenza. Il comitato provinciale di Cosenza della Croce rossa ha attivato le squadre e gli equipaggi di Scalea a Castrovillari.

TERREMOTI: POLLINO; FINORA 15 REPLICHE, PIU' FORTE 3.3  - La scossa di terremoto di magnitudo 5 che ha colpito all'1:05 la zona del Pollino e' stata seguita finora da altre 15 scosse, con magnitudo variabile da 2 a 3.3. Lo rileva l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). Dopo la scossa piu' forte, le altre sono state registrate in rapida successione tra l'1:12 e le 3:31. Una scossa di magnitudo 2 e' stata registrata alle 3:30 anche nella zona sismica Alpi Sirino, sempre in Calabria, in un'area piu' a nord del Pollino.

TERREMOTO: POLLINO;OPERAZIONI PER SISTEMARE DEGENTI OSPEDALE CHI PUO' ESSERE DIMESSO TORNERA' A CASA,ALLERTATI ALTRI NOSOCOMI  - MORMANNO (COSENZA), 26 ottobre 2012- A Mormanno sono in corso le operazioni per sistemare i degenti dell'ospedale che sono stati evacuati dopo il sisma. Sul posto si trova il prefetto di Cosenza Raffele Cannizzaro, che sta coordinando le operazioni con il comandante provinciale dei Carabinieri Francesco Ferace, il sindaco Guglielmo Armentano ed il presidente del Parco del Pollino Mimmo Pappaterra. I pazienti che possono essere dimessi torneranno a casa, per gli altri sono stati allertati gli ospedali della zona. 

About Luigi Palamara

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento