Oro: investimento sicuro o azzardo?

Negli ultimi anni, e soprattutto dopo il diffondersi dell’epidemia di Coronavirus, molti investitori e risparmiatori sono stati attratti verso l’oro, scegliendolo come forma di investimento a lungo termine e come bene rifugio.

In realtà, l’oro è sempre stato considerato un bene rifugio, in particolare nei momenti più difficili e nei periodi di crisi economica, e ancora oggi costituisce un investimento importante e duraturo, adatto a proteggere e integrare il proprio patrimonio.

Una qualità particolare dell’oro come fonte di investimento, è proprio quella di mantenere la quotazione anche in caso di inflazione e di economia in recessione, anzi, al contrario, spesso nelle situazioni di questo tipo il valore di mercato dell’oro tende a salire.

Per quanto, trattandosi di un metallo prezioso, non genera un rendimento, l’oro è un investimento ultra sicuro, non risente di un mercato instabile, può essere custodito anche nella cassaforte di casa ed è la scelta migliore per chi desidera mantenere intatto il proprio capitale evitando i rischi dovuti ad altre forme di investimento.

Investire in oro è una scelta vantaggiosa

Per chi avesse intenzione di investire in oro, il sito https://goldcare.it offre consigli e consulenze, oltre alla possibilità di acquistare oro fisico in monete e lingotti di vario peso.

L’oro fisico è la forma di investimento più sicura, non è necessario custodirlo in banca, dove vengono applicate spese rilevanti, basta predisporre la propria casa in maniera tale da disporre di uno spazio sicuro e protetto, e può essere trasportato ovunque con sé.

Inoltre, l’investimento in oro fisico non richiede alcuna competenza in fatto di tecniche di trading o altro, poiché si tratta semplicemente di un acquisto, così come non è necessario ricorrere ad un intermediario o ad un broker. Si tratta di un investimento sicuro, senza tralasciare il fatto che, nel corso del tempo, può facilmente rivalutarsi.

Infatti, è bene tenere conto che la richiesta di oro da parte del mercato è sempre più forte, mentre, al contrario, le industrie estrattive avranno sempre più difficoltà nel reperirne quantità sufficienti. Anche per questo motivo, la quotazione dell’oro è destinata ad incrementarsi.

Comprare oro è da considerarsi una scelta ancora migliore dell’investimento in diamanti, poiché i diamanti da investimento richiedono una serie di controlli e la presenza di una certificazione internazionale, inoltre sono soggetti a tassazione Iva, mentre l’oro ne è esente.

L’oro da investimento è in lingotti, placche o monete e deve avere un grado di purezza molto elevato: per questo è bene acquistarlo solo da venditori garantiti.

Quanto oro comprare per un investimento equilibrato 

In genere, chi decide di investire nell’oro si avvale già di altre fonti di investimento e desidera diversificare il proprio portafoglio al fine di ridurre i rischi e di avere una certa percentuale di patrimonio stabile.

Analisti ed esperti finanziari consigliano di riservare circa il 10% dei propri investimenti all’oro, alcuni consigliano di arrivare anche fino al 20-25%. In ogni caso, l’acquisto non dovrebbe essere mai effettuato in un’unica soluzione: il metodo migliore è quello di acquistare periodicamente piccole quantità di metallo prezioso, tenendo conto che si tratta di un investimento a lungo termine.

Spesso gli investitori professionisti scelgono l’oro come sistema di tutela nei confronti dell’inflazione, acquistando sia oro fisico che azioni e derivati appartenenti al mondo dell’oro. Al contrario, per un risparmiatore che vuole mettere da parte un capitale anche piuttosto consistente, la scelta migliore è quella di acquistare unicamente oro fisico, e di custodirlo tranquillamente nella cassaforte di casa.

Alcuni investono in oro acquistando gioielli e monili di diversa fattura: per quanto possa essere una buona idea, è importante tenere presente che l’oro da investimento secondo la legge è in lingotti, inoltre il lingotto d’oro viene sottoposto ad una serie di verifiche, possiede un numero di serie ed è certificato di purezza superiore al 99,9%