Mantenere una pelle giovane in 6 pratici accorgimenti

Nessuna donna (e nessun uomo) vorrebbe invecchiare, e questo è un dato di fatto. Ma se questo processo del tutto fisiologico non può essere arrestato, molto si può fare invece per mantenere una pelle sana e giovane più a lungo nel tempo. Alcune precauzioni in merito, ad essere onesti, riguardano un modo di vivere sano in grado di portare giovamento alla nostra salute in generale. Altre invece, sono azioni più mirate e localizzate. Nel loro complesso però, garantiscono tutte ottimi risultati. Con questi presupposti, vediamo insieme 6 pratici accorgimenti per mantenere un viso giovane.

Mantenere una pelle giovane

1 – Esfoliazione: risvegliare la pelle “intorpidita”

Con il passare del tempo, la pelle tende a rallentare sempre più il turn over cellulare, diventando di conseguenza opaca e priva di tono. Anche i pori tenderanno a dilatarsi, dando alla pelle stessa un aspetto più “ruvido”. Per ritardare questo processo del tutto fisiologico, ogni due settimane sarebbe una buona abitudine liberare la pelle “dormiente”, utilizzando un gommace micro abrasivo, o eventualmente un cosmetico contenente acido glicolico. In questo modo, l’incarnato diventerà istantaneamente più levigato.

2 – Una spremuta al giorno toglie la ruga di torno

È risaputo come le arance siano ricche di vitamina C e abbiano un grande potere antiossidante. Tale vitamina contribuisce a riparare quelli che sono i danni dei raggi UV, senza dimenticare come sia anche in grado di stimolare la sintesi del collagene. Volendo, si potrebbe proseguire riportando gli studi dell’Università di Catania, che sostengono come bere una spremuta al giorno, possa allungare di cinque anni l’aspettativa di vita.

3 – La sigaretta? Da evitare (per mille motivi)

Che la sigaretta sia dannosa per mille motivi, non è certamente una novità, e non fumare o smettere non sono certamente azioni che dovrebbero avere come unica finalità quella di ottenere una pelle sana. Questo perché ogni sigaretta immette un grandissimo quantitativo di radicali liberi nei polmoni, con infinite ripercussioni su tutto il nostro organismo, derma compreso. Da non dimenticare nemmeno come le sigarette possano causare pesanti infiammazioni per il tessuto respiratorio. Nei fumatori, dopo una decina d’anni, cominciano a formarsi delle piccole rughe, conseguenza dell’assottigliamento dei vasi sanguigni.

4 – Bere tanto, ma non alcool

Una corretta idratazione è di basilare importanza per tutto il nostro organismo, nonché fondamentale per ogni trattamento anti-age. Per apportare alla pelle del viso la giusta idratazione, al risveglio sarebbe opportuno vaporizzare dell’acqua di fiori sul viso, stendendo successivamente una crema idratante delicata. Dopo una mezz’ora, si potrà applicare una crema specifica per il trattamento. Questo piccolo stratagemma, può dare davvero buoni risultati. Inutile sottolineare come bere tanta acqua, almeno un paio di litri al giorno, sia sempre una buona abitudine. Al contrario, da evitare sono gli alcolici, o quantomeno il loro abuso.

5 – Dormire fa bene alla pelle

Dormire il giusto quantitativo di ore, fa bene a tutto il corpo, nonché alla pelle del viso. Una buona tempistica media per il riposo è di circa 8 ore, sufficienti per risvegliarsi con il viso disteso, e di conseguenza apparire più giovani. Anche in questo caso, un sonno adeguato avrà ripercussioni positive su moltissimi aspetti, è più in generale potrà aumentare la qualità di vita e le proprie performance di studio o di lavoro.

6 – Rivitalizzare la pelle? Dai trent’anni in poi

Come si suol dire, prevenire è meglio che curare. Una buona idea quindi, potrebbe essere quella di utilizzare dei filler a base di acido ialuronico a partire dai trent’anni. Una corretta prevenzione in tal senso, aiuta a preservare più a lungo nel tempo una pelle più giovane, e permette di ottenere un risultato sicuramente più naturale rispetto al tentativo di “spianare” le rughe dopo una certa età. I negozi dove acquistare Filorga sono moltissimi, anche perché negli ultimi anni si sta dando preferenza ai trattamenti estetici, rispetto ai più invasivi interventi di chirurgia.