L’antifurto per proteggere la casa, segui i consigli

Purtroppo prima o poi tutti dobbiamo fare i conti con i furti in casa, o per esperienza diretta o perché intorno a noi accadono. Si rimanda la decisione di dotarsi di un sistema di antifurto fino al momento in cui la riteniamo necessaria e non più procrastinabile. Ed eccoti qua a cercare di capire quale siano i consigli migliori di cui tenere conto prima di scegliere l’antifurto per la tua casa. Chi non vorrebbe un antifurto infallibile per la propria casa, ciò che si può fare è cercare di prevenire l’evento, e un buon antifurto ha proprio questo obiettivo, scoraggiare.

antifurto per proteggere la casa

Analizziamo alcuni elementi da prendere in seria considerazione.

Come scegliere l’antifurto giusto per la casa?

Prima di effettuare la scelta definitiva occorre porsi alcune domande:

  • Per quante ore al giorno la casa è vuota?
  • Hai degli animali domestici?
  • Quanto è grande la casa e quante finestre ci sono?

Queste variabili incidono prima sulla spesa e poi sull’efficacia dell’antifurto, tra poco ti spiegherò il perché.

Il livello dei prezzi ma anche qualità

Oggi con Internet si ha la sensazione che qualsiasi cosa costi poco. Purtroppo non è così, siamo sottoposti a molte offerte e talune non sono proprio all’altezza della qualità che serve per avere una soluzione di qualità. Più che altro si tratta di dispositivi non integrati, che lasciano il tempo che trovano. Telecamere IP sparpagliate ma senza un coordinamento. Va a finire che ti trovi 10 app diverse e dopo un po’ non ci badi più. Meglio scegliere dei sistemi integrati e coordinati.

É il caso delle sirene interne dell’allarme Kisei che vanno posizionate all’interno della casa e rappresentano un deterrente formidabile perché non si riescono ne ad individuare (sembrano apparecchi antifumo) ne a manomettere. Tra poco te ne parlerò in maniera più diffusa e capirai perché appartengono a quel gruppo di consigli da seguire.

KiSEi

Individuare il tipo di antifurto

Gli antifurto sono fatti per proteggere casa ma lo fanno in due modi essenziali. Proteggono il perimetro della casa, comprendendo anche il giardino se c’è, e l’interno con rilevatori volumetrici. I ladri sono abituati a capire come comunica un antifurto, per questo motivo attaccano i cavi e oscurano i sensori. Molti lo fanno nei giorni precedenti per capire se c’è un livello di attenzione a questo strumento. Gli antifurto senza fili hanno una possibilità in più di non essere oscurati, poiché occorrerebbe agire su ogni dispositivo comprese le sirene. Questi antifurto sono duttili e si adattano a qualsiasi casa.

Un particolare che può fare la differenza: la sirena interna

La sirena interna spesso viene sottovalutata. Si pensa giustamente a proteggere il perimetro esterno e si sottovaluta la parte interna della casa. I sensori di movimento aiutano ma appartengono a quel tipo di dispositivi che un ladro sa individuare e rendere innocui in breve tempo. Teniamo conto anche che nelle serate estive afose e calde, apriamo le finestre e non attiviamo l’antifurto ma solo i sensori interni. Per questi motivi i furti avvengono anche durante la notte.

Una sirena KiSEi si installa facilmente all’interno della casa ed è in grado di emettere segnali sonori e luminosi in collaborazione con gli altri sistemi di allarme controllati dal sistema KiSEi. A controllare la sirena c’è l’app Alpha IP, che permette di disattivarla anche da remoto. L’avvisatore acustico arriva a 90 dB alla distanza di un metro, oltre a ciò ci sono dei led rossi che avvisano in maniera anticipata l’attivazione della sirena interna.