Gli integratori di Omega 3 possono aiutare i ragazzi con ADHD

I ragazzi con disordine da deficit di attenzione / iperattività (ADHD) possono trarre un leggero beneficio dagli integratori di acidi grassi omega 3, suggerisce un nuovo studio dei Paesi Bassi. Lo studio ha coinvolto 80 ragazzi di età compresa tra 8 e 14, alla metà dei quali era stata diagnosticata l’ADHD. I bambini hanno consumato una margarina arricchita con acidi grassi omega-3 o una normale margarina, ogni giorno per 16 settimane. (La margarina arricchita conteneva 650 mg di acido docosaesaenoico o DHA e 650 mg di acido eicosapentaenoico o EPA). Alla fine dello studio, i ragazzi che avevano consumato l’integratore omega-3 hanno visto una riduzione dei loro problemi di attenzione – valutati dai genitori – rispetto a quelli che non consumavano il supplemento.

Miglioramenti dell’attenzione sono stati osservati in entrambi i bambini con e senza ADHD, ma l’effetto era maggiore in quelli con ADHD, secondo lo studio. La maggior parte dei ragazzi nello studio con ADHD stava già assumendo farmaci stimolanti oltre agli acidi grassi omega-3. Lo studio “sostiene che gli integratori per il disturbo dell’attenzione a base di omega 3 possono essere un efficace potenziamento per i trattamenti farmacologici dell’ADHD”, hanno scritto i ricercatori del Centro medico universitario Utrecht. Lo studio è stato finanziato da Unilever Research & Development. La società è stata coinvolta nella concezione e nella progettazione dello studio e ha realizzato la margarina utilizzata nello studio.

Studi precedenti sull’argomento erano misti, con alcuni studi che hanno trovato un collegamento tra l’integrazione di acidi grassi omega-3 e la riduzione dei sintomi dell’ADHD, e altri studi che non hanno trovato alcun effetto. Un ampio studio di revisione nel 2011, che comprendeva circa 700 bambini con ADHD, ha scoperto che coloro che assumevano integratori di acidi grassi omega-3 avevano un piccolo miglioramento nella gravità dei loro sintomi di ADHD. Altri studi hanno trovato che i bambini con ADHD hanno livelli più bassi di acidi grassi omgea-3 nel sangue, rispetto ai bambini che non hanno la condizione.

Anche se i nuovi risultati supportano l’ipotesi che gli acidi grassi omega-3 possano essere utili per i bambini con ADHD, “non lo definirei uno studio definitivo”, ha affermato il dott. Daniel Coury, capo della pediatria evolutiva / comportamentale presso l’ospedale pediatrico nazionale di Columbus, Ohio. Coury ha osservato che il nuovo studio non è stato in grado di ottenere input dagli insegnanti dei bambini, che possono fornire una visione indipendente del comportamento del bambino.

Inoltre, gli effetti del supplemento di acido grasso omega-3 sui problemi di attenzione dei bambini che è stato visto nel nuovo studio non erano molto grandi, ha detto Coury. Sul test dei problemi di attenzione che i ricercatori hanno utilizzato nello studio, il punteggio più alto è 20 punti e i punteggi più bassi indicano meno problemi rispetto ai punteggi più alti. Per i bambini con ADHD che hanno consumato omega-3, il punteggio medio è migliorato da 9,1 a 7,7. Per i bambini senza ADHD che hanno assunto omega-3, il punteggio medio è migliorato da 2,5 a 2,4.

Questi piccoli miglioramenti nei punteggi potrebbero non tradursi in un miglioramento significativo nella vita quotidiana dei bambini, ha detto Coury. Dato che gli acidi grassi omega-3 sono relativamente sicuri, prenderli sarebbe “sicuramente utile, ma dubito che vedremo un miglioramento drastico”, ha detto Coury. Il dottor Anthony Rostain, psichiatra infantile e adolescente presso il Children’s Hospital di Filadelfia, ha affermato che il nuovo studio “aiuta a confermare ciò che già sappiamo”, dalla ricerca precedente, ovvero che la supplementazione con acidi grassi omega-3 può avere un piccolo effetto sui sintomi di ADHD.

E poiché gli americani tendono a non assumere abbastanza acidi grassi omega-3 nella loro dieta, l’integrazione per i bambini con ADHD non sarebbe una cattiva idea, ha affermato Rostain. “Penso che sia una buona idea aggiungere omega-3 alla dieta, con la chiara spiegazione ai genitori che questo non ti darà un effetto potente, come farebbe uno stimolante”, ha detto Rostain. “Questo potrebbe aumentare l’effetto del farmaco.”