» » » » » » » » Femminicidio. Ilde, un esempio di speranza e di vita.

Oggi vi volevo parlare di Einstein, della teoria sulla relatività. Invece di una teoria vi racconto una storia vera. La storia di una donna. Ilde. La sua vita vissuta.

Mi penetra col dito, mi cosparge di crema, mi minaccia col coltello alla gola e alla fine con un colpo secco mi svergina.
Urlo, piango. Il dolore è indescrivibile. Perdo molto sangue.
Le lenzuola sono macchiate di un rosso vivo. La mia vita è segnata per sempre. Non di rosso sangue ma di nero profondo come il buio. Il buio del male assoluto.
Il buio che ha accompagnato la mia vita come una seconda ombra proiettata sul terreno e dalla quale è quasi impossibile staccarsi..
Solo la luce dell'Amore è riuscita a dissolverla anche se mai completamente.
Avevo solo 11 anni. Ero una bambina. Sola.
Mia madre mi ha venduta ad un uomo privo di scrupoli. Un pedofilo, un violento, uno stupratore di bambine.
Non c'è limite all'egoismo di un uomo perverso e all'avidità di una madre cattiva.

10-11-12-13 e 14 sono gli anni che hanno segnato la vita di Ilde Terracciano.

10 anni. Anno 1968. Con la morte di papà Giuseppe, Ilde si ritrova senza il suo faro. Senza riferimento alcuno.

11 anni. Anno 1969. Venduta dalla madre, fidanzata ufficialmente e violentata.
La madre di Ilde mostra tutta la sua cattiveria e il suo cinismo. La vende. Inizia così il suo calvario. Il vestitino verde strappato dalla violenza di quel mostro la segna per tutta la vita.
Seviziata, sverginata, violentata.

12 anni. Anno 1970. Ilde rimane incinta.

13 anni. Anno 1971. 31 ottobre 1971. Ilde incinta di alcuni mesi viene data in sposa.
Il matrimonio si celebra presso la chiesa di San Gennariello (Napoli) con la complicità del Vescovo e del parrocco Don Pasqualone, e i parenti tutti.
Un silenzio che sà di complicità, di amarezza, di dolore.

14 anni. Anno 1972.
Nasce la seconda figlia. Il mostro è in galera. Ilde viene fatta rinchiudere in manicomio dalla madre.
Da lì la fuga che coincide con l'inizio di una vita che la vede "oltre" la legge. E infine il primo arresto. La galera.

Questi i 5 anni che hanno segnato per sempre il destino di Ilde.
Adesso, quasi sessantenne, si è decisa a raccontare la sua storia in un libro dal titolo: Scappa a piedi nudi.

Una storia vera, unica, tragica.
Un esempio per chi vuole reagire.
Scappate donne da quegli uomini che vi fanno del male. Andate via.
Va via da quell'uomo che usa la violenza fisica e/o psicologica.
Senza pensarci sopra.
Senza prendere nulla.
Corri. Va via!
Scappa a piedi nudi verso la libertà, verso la vita.

Fate in modo che tutto questo non rimanga solo teoria. Mettetelo in pratica. Il libro è a vostra disposizione leggetelo, rileggetelo.... Fate pratica non solo teoria.

About Luigi Palamara

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
This is the most recent post.
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento