» » » » » Assicurazioni auto: le ultime novità

L'argomento delle assicurazioni auto, anche per via dei costi dei premi piuttosto alti, è stato spesso oggetto di ampie discussioni che hanno portato nel tempo a importanti novità. In particolare gli ultimi 3 anni hanno rappresentato per il settore delle assicurazioni RC auto una vera e propria piccola rivoluzione. In questa guida, grazie all’aiuto degli esperti del sito http://www.polizzeonline.net/ cercheremo di fare il punto della situazione attraverso un resoconto delle ultime novità introdotte nel campo assicurativo.

Ultima novità in ordine di tempo è stata l'abolizione del contrassegno assicurativo, cioè del tagliando che attestava l'avvenuto pagamento da parte dell'automobilista del premio della polizza assicurativa. Il tagliando, obbligatorio fino a ottobre al 2015, conteneva il nome della compagnia assicurativa, la tipologia e la targa del mezzo, la scadenza dell'assicurazione e andava obbligatoriamente esposto ben in vista sul parabrezza dell'auto.

In questi primi mesi di attuazione della nuova normativa alcune compagnie continuano a consegnare ai loro clienti il vecchio tagliando, anche se esclusivamente a titolo informativo. La copertura assicurativa ormai può essere certificata da chiunque attraverso il Portale dell'automobilista, piattaforma online che consente di controllare la presenza della targa del mezzo nella banca dati della Motorizzazione Civile. Quest'ultima viene opportunamente supportata dal Sita, il database ideato dall'ANIA, a cui le assicurazioni trasmettono tutti i dati delle polizze stipulate e rinnovate.

Le Forze dell'Ordine effettueranno i controlli necessari per verificare la regolarità delle polizze sia nel corso dei posti di blocco che attraverso l'uso dei dispositivi di controllo a distanza. Previste sanzioni pesanti per tutti coloro che circolano privi di regolare polizza auto, difatti si rischia una multa salata che va da 841 fino a 3.366 €, oltre al sequestro dell'auto. La sanzione prevista può scattare esclusivamente dal 16° giorno successivo alla scadenza dell'assicurazione: quando la copertura assicurativa viene riattivata nel giro di 15 giorni, cioè entro 30 giorni dalla scadenza, la multa comminata sarà ridotta a un quarto.

Oggigiorno quindi come unico documento obbligatorio da tenere a bordo dell'automobile resta il certificato assicurativo. La rivoluzione digitale non ha comunque "risparmiato" neanche questa attestazione visto che il suo invio, previo consenso del contraente, può avvenire anche via email. L'art. 180 del Codice della Strada stabilisce che l'automobilista per poter circolare debba obbligatoriamente avere con sé il certificato assicurativo, in caso contrario prevista una sanzione amministrativa fino a 180 €.

Il processo informatico in realtà ha avuto inizio a giugno 2015 con l'Attestato di rischio in formato elettronico. L' importante attestazione, contenente la classe di merito del contraente e il numero di sinistri degli ultimi 5 anni, non viene più emesso in forma cartacea. Dal 2015 l'Attestato di rischio viene depositato nella banca dati dell'ANIA e soggetto ai controlli dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, con le compagnie che possono acquisirlo direttamente dal portale di riferimento. Non va quindi più richiesto al cliente, con quest'ultimo che dal canto suo potrà consultare l'Adr attraverso il sito web della compagnia di assicurazione. Inoltre, l'attestato online ha prodotto un'altra novità: quando la situazione assicurativa non risulta dalla banca dati, l'assicurato può presentare una dichiarazione sostitutiva che le imprese sono tenute obbligatoriamente ad accettare.

Tra i primi provvedimenti che in questi ultimi anni hanno comportato delle novità per le RC auto, da segnalare l'abolizione del tacito rinnovo dei contratti assicurativi, entrata in vigore nel mese di gennaio 2013. Ciò ha comportato notevoli vantaggi per i consumatori, ormai liberi di cambiare compagnia senza doversi preoccupare di vincoli contrattuali limitanti. Un aspetto rilevante soprattutto alla luce della forte concorrenza tra le assicurazioni, fattore che ora gli automobilisti possono liberamente sfruttare e scegliere così la polizza più conveniente. Basta fare un giro in internet per rendersi conto in pochi minuti delle tante offerte proposte online e per confrontare i diversi preventivi. Tra l'altro, con il tacito rinnovo, le compagnie stesse hanno fruito di procedure più facili per via della definitiva scomparsa delle comunicazioni scritte di disdetta delle assicurazioni. Novità quindi tutte utili per alleggerire la lungaggine delle pratiche burocratiche attraverso l'utilizzo frequente e veloce dei mezzi informatici.


Se poi siete proprietari di un’auto storica ma non avete la più pallida idea su come muovervi dal punto di vista delle assicurazioni vi rimandiamo a questa pagina qui: http://www.polizzeonline.net/polizze-auto-storiche

About Luigi Palamara

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento