Roccaforte del Greco 22 febbraio 2016 - Non tarda ad arrivare la risposta del signor Penna all'interrogazione fatta da capogruppo di minoranza Rocco Palamara. 

Rimaniamo basiti di come si possa essere così scollegati dalla realtà. Ho scritto a chiare lettere della denuncia-querela da me presentata per le minacce e l'aggressione dello zio del presidente del Consiglio tale R.M. e la querela nei confronti della stessa Antonia Chilà per la mancata autorizzazione a fare le riprese in diretta televisiva, radiofonica e web così come previsto da regolamento.

E' chiaro che "agli atti d'ufficio non risulta ...." Ricordiamo al signor Penna che la querela è stata presentata ai Carabinieri di Roccaforte del Greco e non al Comune. E che noi non pubblichiamo atti processuali diversi dalle sentenze. 

Questo il link all'articolo http://www.mnews.it/2016/02/roccaforte-del-greco-un-paese.html

REPETITA IUVANT
Roccaforte del Greco (Reggio Calabria) 25 gennaio 2016 -
A Roccaforte del Greco la libertà di stampa è un optional e non solo.

Puntualmente facciamo dei rilievi con i nostri articoli e altrettanto puntuali arrivano le minacce e le aggressioni.
Ultima in ordine di tempo la reazione avuta da tale R. M. (zio della Presidente del Consiglio Antonia Chilà) che ha pensato bene (secondo il suo punto di vista) di minacciarmi e aggredirmi a seguito dell'articolo che "riguarda" sua nipote appunto.
"Non ti devi permettere di nominarla. Non sai chi sono io. E se no vedrai che ti faccio" e poi avanti con lo spintone. Per fortuna siamo riusciti anche a registrarlo. Sarà davvero difficile, per lui, negare e/o giustificare.
Querelato.

Noi non abbiamo altri metodi per chiarire le questioni di questo genere. Querela ed eventualmente Tribunale. Vedremo.

Querelata ovviamente anche la presidente del Consiglio Antonia Chilà. Abbiamo messo in evidenza la mancata autorizzazione a fare le riprese nonostante il regolamento le preveda. Se verranno riscontrati reati saranno perseguiti come previsto per legge.

===========================================

ORA mi verrebbe da dire tante cose. L'unica che mi sembra appropriata è lasciare il tempo che la Giustizia faccia il suo corso e poi vedremo. 

A questo punto l'augurio è che la Magistratura acceleri e prenda visione della querela e in tempi rapidi decida se archiviare o procedere qualora siano ravvisati dei reati

Una risposta in tal senso rapida e tempestiva darebbe certamente a tutti più serenità e servirebbe a fare chiarezza. E soprattutto porrebbe fine a questa farsa.

Vero o non vero, previsto o non previsto ... 

A Roccaforte del Greco si nega anche l'evidenza ... vedremo fino a quando. Noi sappiamo aspettare.

Luigi Palamara







Il Sindaco Domenico Penna replica all’interrogazione circa la denuncia del Presidente del Consiglio Comunale e di un suo parente prossimo al capogruppo del Gruppo di minoranza consiliare “Roccaforte cambiare si può” Consigliere Rocco Palamara: 

 “Con riferimento alla Vs di pari oggetto, pervenuta in data 16/2/2016 e assunta agli atti con prot.n. 276 si fa presente che agli atti di ufficio non risulta essere pervenuta alcuna segnalazione da cui possa desumersi la veridicità o meno in merito a notizie circolanti su alcuni giornali on-line circa la denuncia per minacce e aggressioni a danno di un giornalista cittadino di Roccaforte del Greco. Parimenti non si ha, agli atti, notizia di denunce del Presidente del consiglio comunale o di suoi parenti prossimi così come non si hanno notizie ufficiali che gli stessi siano stati oggetto di denuncia. Le rammento, inoltre, che non essendo previste dalla normativa vigente ipotesi di sospensione del Presidente del Consiglio Comunale, la durata in carica di quest’ultimo organo è disciplinata dall’art. 14-bis dello Statuto per come introdotto con delibera consiliare n. 14 del 30/09/2015“.

About Luigi Palamara

Reggio Calabria e la sua Provincia dentro la cronaca e non solo.
«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento :

Lascia un Commento