MNews.IT
 

0

CARABINIERI - OPERAZIONE ARGO:

AZZERATO IL MANDAMENTO MAFIOSO DI BAGHERIA.


Dalle prime luci dell’alba, 200 Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo e del R.O.S., al termine di una complessa attività d’indagine coordinata dalla locale D.D.A. (Procuratore Aggiunto dott. Leonardo AGUECI e Sostituti Procuratori dott.ssa Francesca MAZZOCCO e dott.ssa Caterina MALAGOLI), sono impegnati nell’esecuzione di una trentina di provvedimenti restrittivi nei confronti di soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsioni, rapine, detenzione illecita di armi da fuoco, scambio elettorale politico mafioso e traffico internazionale di stupefacenti.
Completamente disarticolato il mandamento mafioso di Bagheria, storica roccaforte di cosa nostra. Oltre a pericolosi e temuti esponenti della consorteria mafiosa, sono stati arrestati anche il reggente e il cassiere del mandamento, nonché i capi delle famiglie mafiose di Villabate, Ficarazzi e Altavilla Milicia.
Le investigazioni hanno dimostrato come il sodalizio fosse organizzato secondo il tradizionale assetto verticistico proprio delle più antiche consorterie mafiose, riprendendone addirittura i rituali di affiliazione: la punciuta e la presentazione dei nuovi affiliati ai mafiosi più anziani. In un’intercettazione ambientale, un uomo d’onore, discutendo con un sodale, paragona le nuove leve a giovani cavalli da trotto, da addestrare - se necessario - anche ricorrendo alle maniere forti: quando vedi che nella salita fanno le bizze...piglia e colpisci con il frustino....sulle gambe...che loro il trotto non lo interrompono...purtroppo i cavalli giovani così sono”.
Le indagini hanno inoltre messo in luce una mafia ancora aggressiva e sempre più camaleontica, pronta a mutare gli assetti organizzativi (in tal senso, il passaggio della famiglia mafiosa di Villabate dal mandamento di Misilmeri a quello di Bagheria). Una mafia che, se da una parte continua a vedere nell’imposizione del pizzo la manifestazione più visibile della sua autorità sul territorio, dall’altra è ben consapevole che, complice anche la crisi economica, è più che mai necessario ricorrere ad altre fonti illecite di guadagno, come, ad esempio, la gestione del gioco d’azzardo.
Le attività hanno anche consentito di rilevare la perdurante capacità della consorteria  di condizionare le dinamiche politico-elettorali locali. E’ stato accertato, infatti, un patto tra alcuni mafiosi di Bagheria e un candidato alle scorse elezioni amministrative regionali avente per oggetto la promessa di voti in cambio di danaro.
Le acquisizioni raccolte hanno permesso di delineare  un archetipo del fenomeno mafioso che, mediante l’intervento su istituzioni, pubblica amministrazione ed imprenditoria, opera per trarre profitti e vantaggi illeciti e che è anche capace di mettere a frutto gli utili conseguiti, riciclandoli abilmente in remunerativi investimenti intestati a prestanome compiacenti. E’ stato pertanto sottratto alla disponibilità di cosa nostra, in quanto sottoposto a sequestro, un ingente patrimonio costituito da beni mobili, immobili e complessi aziendali costituiti da locali notturni della movida palermitana, agenzie di scommesse, imprese edili, supermercati, per un valore complessivo di circa trenta milioni di euro.
Le indagini hanno infine consentito di accertare, con la collaborazione della Royal Canadian Mounted Police, l’esistenza di un raccordo operativo nel settore degli stupefacenti tra cosa nostra bagherese e la famiglia mafiosa italo-canadese dei Rizzuto, documentando, inoltre, la situazione di instabilità interna alle organizzazioni canadesi, degenerata negli ultimi anni in numerosi omicidi.
I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 presso la palazzina “M” del Tribunale di Palermo.
Palermo, 8 maggio 2013

Posta un commento Blogger

Articoli più letti della settimana

Articoli più letti del mese

 
Top