giovedì 8 novembre 2012

Emersione del lavoratori stranieri, 2.582 le domande inviate dalla provincia di Firenze

Sono 2.582 le domande provenienti dalla provincia di Firenze per richiedere l'emersione dei lavoratori irregolari domestici o subordinati. Per la maggior parte le dichiarazioni provengono da famiglie e riguardano colf, mentre solo una piccola parte (332) sono state inoltrate da imprese per sanare la posizione di propri dipendenti.

Lo Sportello Unico per l’Immigrazione di Firenze è al lavoro da tempo e sono già partite le prime convocazioni. L’istruttoria di ogni domanda, che viene trattata in ordine cronologico secondo l’orario di ricezione, prevede che lo Sportello acquisisca i pareri della Questura e della Direzione territoriale del lavoro e poi inviti le parti in Prefettura a sottoscrivere il contratto di soggiorno.

Lavoratori stranieri 2012, tutta sul web la procedura di regolarizzazione

Si parte alle 8 del 15 settembre fino alle 24 del 15 ottobre 2012: non sono state fissate quote massime di ammissione. On line i dati sul numero delle domande pervenute al sistema informativo

Inoltro telematicoMinistero dell’Interno e ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali hanno fornito con una circolare congiunta le indicazioni operative sulla procedura per la presentazione della dichiarazione di emersione del rapporto di lavoro irregolare a favore di lavoratori stranieri che parte il 15 settembre 2012.
E’ importante chiarire che non sarà necessario concentrare la presentazione delle domande nella fase iniziale della procedura, in quanto non sono state fissate quote massime di ammissione. C'è tempo, infatti, fino alle 24,00 del 15 ottobre 2012.
Punti cardine della procedura, riepilogati e chiariti all'interno della circolare, sono: i soggetti interessati (datori di lavoro e lavoratori stranieri), come effettuare il pagamento del contributo forfettario (modello F24 a partire dal 7 settembre 2012 e codici tributo), quando e come presentare la dichiarazione di emersione (tramite il sito internet del ministero dell’Interno a partire dalle ore 8,00 del 15 settembre 2012).
Nella seconda fase, lo Sportello unico per l’Immigrazione riceverà le domande dal sistema informatico del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno nel rispetto dell’ordine cronologico di ricezione. Successivamente, sarà lo stesso Sportello Unico ad acquisire dalla questura e dalla Direzione territoriale del lavoro i previsti pareri sulla dichiarazione di emersione. Ricevuti i pareri, quindi, lo Sportello convocherà le parti per gli ulteriori adempimenti.
Come sperimentato in altre analoghe occasioni, saranno operativi i protocolli d’intesa stipulati con l'Anci, le Associazioni di categoria, le Organizzazioni sindacali e i Patronati che vorranno fornire assistenza per la compilazione e l’inoltro delle domande.
Nella circolare vengono ribadite le condizioni per la sospensione dei procedimenti penali ed amministrativi e la presentazione di false dichiarazioni.

Ultimo aggiornamento: 04.10.2012