Italiani in viaggio: è boom di ricerche da mobile



Secondo un’indagine del sito eMarketer il 2017 sarà ricordato come l’anno della migrazione dei turisti italiani verso il mobile. A tal proposito il numero delle visualizzazioni sui vari siti delle on line travel agency è aumentato in maniera esponenziale. Questo dato dimostra che i viaggiatori italiani hanno cambiato “pelle” e tendono ora a fidarsi sempre di più dei contenuti ricavati dal proprio smartphone, sia per fini informativi che per acquistare dei pacchetti viaggi.



Italiani in viaggio: toccare il mondo con le dita

In particolare nel mese di marzo del 2017 si è riscontrato per la prima volta in assoluto un aumento considerevole degli Italiani che hanno cercato info sui loro potenziali viaggi sul mobile sorpassando di gran lunga la percentuale delle ricerche fatte tramite desktop. Stiamo parlando di un 24,9% contro un 21,3% per un totale di 18,9 milioni di persone che hanno cercato suggerimenti e informazioni sui loro itinerari di viaggio. Quest’apertura verso il mobile offre una serie di interessanti riflessioni. La prima è di carattere pratico: sempre più utenti preferiscono il multitasking e quindi una connettività a 360° gradi come mezzo per raggiungere qualsiasi luogo nel mondo. Di conseguenza i siti specializzati come anche le OTA devono insistere su questo aspetto, migliorando qualitativamente i servizi offerti sul mobile.

In siffatto contesto lo smartphone consente di trovare qualsiasi cosa con pochi e intuitivi gesti ed è per questo che il futuro del business travel è strettamente connesso con la capacità di anticipare le scelte e i gusti dei potenziali clienti. E’ calcolato che il 95% dei visitatori di una pagina che si occupa di viaggi e prenotazioni tende ad abbandonare il sito dopo appena 30 secondi nel caso in cui faccia fatica a caricarsi sullo smartphone. Ragion per cui anche i contenuti su queste piattaforme sono cambiati: ora si offre ai visitatori quello che stanno cercando nell’immediato in modo da accrescere la credibilità del proprio brand che si traduce in una comprovata web reputation.



Share